autrice, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Traders Magazine - Rec

THE MULE (Il corriere) di e con Clint Eastwood

The Mule (Il corriere) di e con Clint Eastwood

Il prossimo 31 maggio Clint Eastwood, il celeberrimo attore e regista la cui carriera sbocciò a livello internazionale nel 1964, quando Sergio Leone lo diresse in ‘Un pugno di dollari’, e la cui prima regia risale al 1970 (..) compirà 89 anni (!). Il 1971 fu l’anno del grande successo per l’attore che ebbe il ruolo dell’ispettore Callahan (nella versione italiana divenne Callaghan) dal regista e ormai amico Don Siegel in ‘Dirty Harry – Ispettore Callaghan: il caso Scorpio’, mentre 3 anni prima aveva fondato la sua casa di produzione chiamata Malpaso Productions, a tutt’oggi attiva e con risultati, convinto di sapere come evitare quelli che secondo lui erano degli sprechi delle major e quindi ridurre spese inutili. (..) Il film è basato su un fatto vero raccontato dal giornalista Sam Dolnick sul New York Times: il veterano della seconda guerra mondiale Leo Sharp era divenuto, negli anni 80, (..) il corriere del cartello messicano di Sinaloa. Così, a 10 anni di distanza da un meraviglioso ‘Gran Torino’ (https://alessandrabasileattrice.com/2018/11/22/fatti-e-sostanza-al-di-la-di-parole-e-primo-acchito/#more-1534 ) Eastwood torna sul set come protagonista e regista, oltre che come co-produttore. Eastwood si potrebbe proprio definire ‘an inspiring man’. Continue reading “THE MULE (Il corriere) di e con Clint Eastwood”

autrice, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Traders Magazine - Rec

LA FAVORITA di Yorgos Lanthimos

LA FAVORITA di Yorgos Lanthimos

Recensione del film sull’ultima Stuart e sulle sue Favorite, Sarah e Abigail

Anna Stuart nacque a Londra nel 1665 e divenne regina di Inghilterra, Scozia e Irlanda l’8 marzo di 37 anni dopo (..) Con la ‘Dichiarazione dei Diritti’ fu stabilito che a succedere al trono dopo Maria e Guglielmo fossero prima Anna e i suoi discendenti e poi i discendenti di Guglielmo (..) Malata fin da bambina di “porfiria”, probabile causa dei futuri attacchi di gotta, era anche fortemente miope e a 12 anni aveva contratto il vaiolo; soffriva della sindrome di Hughes, a causa del quale non era riuscita a portare a termine alcune delle 17 gravidanze. Di quelle riuscite nessuna conclusa con un bambino sopravvissuto. Un triste destino il suo, una vita difficile e un desiderio disperato, così da film, di essere amata.

(..) ‘debole, sottomessa, completamente soggetta agli umori delle sue favorite’. Il film ci fa addentrare senza troppa classe nel mondo delle due più note, la rude, quasi un uomo, Lady Sarah Jennings, Duchessa di Marlborough, e la di quest’ultima nipote Abigail Hill, Continue reading “LA FAVORITA di Yorgos Lanthimos”

autrice, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Traders Magazine - Rec

COLETTE di Wash Westmoreland

COLETTE di Wash Westmoreland

Sidonie-Gabrielle Colette fu un personaggio di spicco nel mondo letterario, artistico, culturale e mondano francese e divenne nota nel mondo per il suo spiccato anticonformismo, l’indipendenza pur essendo una donna di quei tempi, la sfrontatezza, i gusti sessuali ufficializzati e però vissuti dalla società come sfrontati, indecenti, inaccettabili, le sue idee e l’innato talento reso più ‘commerciale’ e vendibile dal marito, (..) noto scrittore di romanzi, la sua firma da un certo momento in poi su tutta la collezione ‘Claudine’, la serie di libri che la stessa aveva scritto ispirandosi alla sua vita, soprattutto dalla scuola in avanti. (..) Willy, pseudonimo del marito Henri Gauthier-Villars, (..)

I sogni della ragazza che segue il suo cuore nel seguire Henri a Parigi si infrangono (..) Continue reading “COLETTE di Wash Westmoreland”

autrice, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Traders Magazine - Rec

VICE di Adam Mckay

VICE di Adam Mckay

Recensione del film con Christian Bale (Dick Cheney) già vincitore del Golden Globe

Dick Cheney viene, in questo film documentario, scritto oltre che diretto da Mckay, che, nel 2015, scrisse e diresse anche ‘La grande scommessa’ vincendo l’Oscar alla migliore sceneggiatura non originale e venendo nominato come miglior regista, raccontato dalla giovinezza all’intervento chirurgico con trapianto di cuore. Oggi Cheney ha 77 anni. (..)
(..) Il film si conclude con un monologo in cui egli afferma di avere agito bene.

(..) Cosa esattamente egli faccia per essere scelto si può tradurre in abilità al servire i potenti, come detto, e a capirne (o carpirne) le necessità. Bush figlio, per esempio, a lui pare chiaramente in cerca di un apprezzamento e di una vera emancipazione dal padre, quando gli chiede di ricoprire la carica di Vice, di fargli da guida in questo cammino. (..) Continue reading “VICE di Adam Mckay”

autrice, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Recensioni di teatro, Teatro, Traders Magazine - Rec, Trendiest; Affari Italiani - Rec

BOHEMIAN RAPSODY di Bryan Singer

BOHEMIAN RAPSODY di Bryan Singer su TRADERS Mag
BOHEMIAN RAPSODY di Bryan Singer su TRENDIEST

Recensione del film nr.1 del 2018. La musica internazionale vince sul grande schermo, mentre in uno spettacolo teatrale milanese risuonano le note di Fabrizio De André.

Farrokh Bulsara nacque a Zanzibar il 5/9/1946 e (..) morì (..) 45 anni dopo, per una complicanza polmonare legata all’avere contratto l’AIDS (..) Questo straordinario cantautoremusicista e compositore britannico di origini parsi che cambiò il suo nome in Freddy Mercury con la sua band, i ‘Queen’, ha lasciato un patrimonio musicale

La solitudine dei numeri Uno – Il film, non solo ci fa volare con fantasia e ricordi grazie ai tanti brani riproposti (..) Il film racconta la grande solitudine, il vuoto interiore e il forte bisogno di affetto di Freddie Continue reading “BOHEMIAN RAPSODY di Bryan Singer”

Italiano/Italian, Recensioni di Film, Recensioni di film e teatro, Traders Magazine - Rec

MARY POPPINS di Rob Marshall

MARY POPPINS di Rob Marshall

“Basta un poco di zucchero e la pillola va giù, la pillola va giù, la pillola va giù” (..): Mary Poppins, la tata che tutti avremmo desiderato avere almeno per qualche ora e che in fondo ricontreremmo volentieri anche in età… non da tata. La grazia, la bellezza, la capacità di Emily Blunt perfettamente diretta, come tutto il resto del cast bambini inclusi, da Rob Marshall, non solo regista ma anche coreografo, che fu candidato all’Oscar nel 2002 per il musical ‘Chicago’, regalano al film una nuova Mary Poppins.

Continue reading “MARY POPPINS di Rob Marshall”

autrice, blog, Italiano/Italian, Recensioni di film e teatro, Recensioni di teatro, Teatro, Traders Magazine - Rec

TEATRO: ELVIRA di e con Toni Servillo

ELVIRA di e con Toni Servillo al Piccolo di Milano

Recensione dello spettacolo teatrale ELVIRA di Toni Servillo reduce dal successo del 2016

Il Piccolo Teatro di Milano con Teatri Uniti produce e presenta in una nuova tornata meneghina l’opera ‘Elvira’ di e con Toni Servillo, nel ruolo del grande attore francese Louis Jouvet, (..) che (..) impartì le famose sette lezioni al Conservatorio Nazionale d’Arte drammatica di Parigi, in piena occupazione nazista.
Sul palco, il grande attore italiano indossa gli abiti e i modi di un appassionato e assai intransigente insegnante di recitazione (..).
È la parte emotiva che manca o non è abbastanza profonda secondo Jouvet/Servillo, Continue reading “TEATRO: ELVIRA di e con Toni Servillo”

Articoli con interviste, autrice, home, Recensioni di Film, Traders Magazine - Articoli, Traders Magazine - Rec

FESTA DEL CINEMA DI ROMA, 2018 – PRIMA PARTE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Meno dell’anno passato ma in modo significativo anche in questa edizione, il tappeto rosso e soprattutto le meravigliose sale di Renzo Piano, Sinopoli e Petrassi, hanno ospitato variegati e noti artisti del mondo dello spettacolo, italiano e soprattutto straniero. Così, nello splendido Auditorium romano, sono giunti, fra il 18 e il 28 di ottobre scorso, i protagonisti degli ‘incontri ravvicinati’ per essere, come sempre, intervistati da Antonio Monda: Martin Scorsese, Cate Blanchett, Isabelle Huppert, Michael Moore e Sigourney Weaver, poi Jonathan Safran Foer e Pierre Bismuth, i nostrani Giuseppe Tornatore e Mario Martone e molti altri. Moltissimi i film, sia in concorso (38) che non, stranieri e italiani, mostrati nelle 8 sale in Roma, 4 delle quali nello stesso Auditorium e 2 nelle immediate vicinanze. Continue reading “FESTA DEL CINEMA DI ROMA, 2018 – PRIMA PARTE”

Recensioni di Film, Traders Magazine - Rec

ITALIA vs. USA: Troppa grazia o Robin Hood?

Troppa Grazia e Robin Hood – TRADERS Magazine

TROPPA GRAZIA di G. Zanasi o ROBIN HOOD di O. Bathurst? Da una parte, un film che apre l’ultimo Festival di Cannes, ottenendo il riconoscimento di ‘miglior film europeo’ (al che mi chiedo subito quali siano stati gli altri film con cui questo ha gareggiato), ed è a metà fra la spiritualità improvvisa (ta) del personaggio principale e l’umanità anche nelle modalità comportamentali della presunta Madonna dalle sembianze più di migrante che di concittadina italiana (immagino volutamente); da un’altra parte, un rifacimento moderno della storia del più noto principe dei ladri anti-ricchi e pro-poveri con tanto di simil-effetti speciali. La domanda è giustamente: che cosa c’entrano i 2 film l’uno con l’altro? Nulla. Continue reading “ITALIA vs. USA: Troppa grazia o Robin Hood?”

Traders Magazine - Rec, Trendiest; Affari Italiani - Rec

A STAR IS BORN

A star is born – TRENDIEST Magazine

Cooper ha voluto Stefani, la Germanotta, non ha voluto Lady Gaga. E ha fatto bene. Credo che lo spettatore non avrebbe avuto la stessa empatia per Ally se avesse avuto le sembianze sfrontate biondo platino di Lady Gaga. La voce di Germanotta o Gaga invece è riconoscibilissima ed ha una potenza, un livello, una capacità di ‘arrivare’ che nobilita tutto il film.

A star is born – TRADERS Magazine